News

La norma ISO 21001 “Sistemi di gestione per i servizi educativi – Requisiti e linea guida” è stata pubblicata il 20 aprile 2018

Il nuovo standard andrà a sostituire la norma UNI ISO 29990 dalla quale differisce in diversi punti ad iniziare dal campo di applicazione e dai contenuti strutturati in 10 capitoli e 7 annex.

La ISO 21001 ha tutti i requisiti di un sistema di gestione nella formazione ed il suo campo di applicazione è rivolto a tutte le organizzazioni che si avvalgono di un programma di studi a prescindere dal tipo, dalla misura o dal metodo di erogazione; è applicabile quindi a tutte le tipologie di realtà formative sia nell’ambito dell’educazione formale che non formale. Lo scopo è quello di far sì che le organizzazioni dimostrino la propria capacità di favorire l’acquisizione e lo sviluppo di competenze attraverso l’insegnamento, l’apprendimento o la ricerca.

Essa è conforme ai requisiti ISO in particolare: struttura High Level Structure, stessa terminologia con 10 capitoli (scopo e campo di applicazione, riferimenti normativi, termini e definizioni, contesto dell’organizzazione, leadership, pianificazione, supporto, attività operative, valutazione delle prestazioni e miglioramento) e ciclo PDCA.

Anche in questa norma vengono ripresi i concetti di analisi del contesto, di risk-based thinking e di informazioni documentate. Si fonda su 11 principi fra i quali si citano: la responsabilità sociale, la condotta etica,  la lungimiranza della leadership, l’accessibilità e l’equità, la sicurezza e la protezione dei dati. Dei 7 annex uno dei più importanti è sicuramente quello che si rivolge ai requisiti aggiuntivi per l’educazione della prima infanzia. 

La nuova norma prevede che durante la verifica iniziale del percorso di certificazione vengano valutati tutti i tipi di corsi elencati nello scopo dell’audit su base documentale o con osservazione diretta; sicuramente l’erogazione dell’attività formativa dovrà essere verificata in campo durante l’audit di certificazione e di rinnovo.

La norma ISO 29990:2010 continuerà a valere per un tempo di 2 anni, ovvero fino al 18 dicembre 2020. In questo periodo di migrazione saranno valide sia le certificazioni emesse a fronte della ISO 29990:2010, sia le certificazioni emesse a fronte della nuova ISO 21001:2018. Decorso tale periodo di tempo le certificazioni rilasciate a fronte della ISO 29990:2010 cesseranno di valere.

Le imprese dovranno, durante questo arco temporale, adeguare la propria certificazione al nuovo standard, in occasione di un audit programmato (di sorveglianza o di rinnovo) o di un audit supplementare, la cui durata sarà definita in base alle caratteristiche della propria organizzazione. 
reloader